Londinesi Famosi

La Regina Madre

Pinterest LinkedIn Tumblr

Elizabeth Bowes-Lyon, La Regina Madre

“DIO SALVI LA REGINA” E quando poi la regina in questione è la REGINA MADRE… “Queen Mum”, la chiamavano affettuosamente i britannici.
Stiamo parlando di una delle figure femminili più amate dal popolo britannico: Elizabeth Angela Marguerite Bowes-Lyon, nata a Londra il 4 agosto 1900 e ivi deceduta il 30 marzo 2002 alla bell’età di quasi 102 anni!

Moglie dell’adorato Giorgio VI del Regno Unito, adorata da lui a sua volta, dopo il matrimonio ebbero due figlie: Elisabetta II del Regno Unito, Elizabeth, attuale Sovrana, e Margaret.
Tanto la prima si dimostrò disciplinata sino al sacrificio, quanto la seconda fu birichina ed irrequieta.
La futura Regina Madre fu una figura discreta e al contempo influente nella vita dello sfortunato, balbuziente Giorgio. Era un peperino di carattere forte dentro un corpo piccolo e rotondetto; una donna tascabile dotata di grande sense of humor, amante della vita, della natura, della sua famiglia, degli abiti colorati e del… gin!
Ne ha bevuto sino alla fine e senza problemi. Dietro quest’apparenza di amabilità e di discrezione si celava una donna forte che fu determinante per  la condotta del marito, afflitto da costanti crisi depressive e sempre sul filo del rasoio, specialmente nei burrascosi frangenti della Seconda Guerra.

Elizabeth Bowes-LyonSi rifiutò di lasciar Londra per qualsiasi motivo e ne convinse il Re, preoccupato non della propria vita, ma di quella di sua moglie e delle figlie. Benché il Governo fosse contrario per comprensibili ragioni di sicurezza, Ella si oppose sempre all’abbandono della Capitale e del suo popolo che soffriva enormemente sotto i continui, devastanti bombardamenti del mostro nazista.

L’intera Famiglia Reale fu un esempio di fermezza, di coraggio, di solidarietà, di compassione.
La futura Elisabetta II^, allora men che ventenne, prestava servizio nell’Esercito Britannico: viveva con le truppe e ne condivideva orari e sacrifici.
Nel dopoguerra fu meccanico e conducente di camion. La mamma e la sorella si occupavano dei malati, dei feriti, dei senzatetto che abbondavano.
Orfani e vedove non mancarono mai del loro aiuto. Il Re e Churchill adempivano con onore i loro doveri.
Rimasta improvvisamente vedova a cinquantadue anni per la repentina morte dell’amato Bertie, prese il lutto alla sua maniera e cioè nella maniera più soave e vera: sorrisi di fuori e morte nel cuore.

Il popolo l’adorava letteralmente e credo che sua figlia Elisabetta abbia più volte contato sull’affetto, l’esempio e il consiglio di quella donna che sapeva esser sciolta e semplice anche nelle occasioni più tristi o formali.
Ora che la Sovrana è immersa nella vecchiaia, nonostante adempia sempre col massimo scrupolo i suoi molteplici impegni di lavoro legati ad un ufficio tanto gravoso, la vediamo sorridere più spesso e più volentieri.
La vecchiaia pare averla addolcita e ci sembra che la spiritosa QUEEN MOM si affacci qua e là ancora una volta, attraverso i sorrisi dell’anziana figlia, tra un incontro con il 1° Ministro e una carezza ad un Corgie. So long, Ma’am!
(  di Marcello Tito Manganelli )

I commenti sono chiusi

Un nuovo REGALO per te! La Guida Pratica di Londra
90 Pagine in PDF

 

Richiedi subito la Guida Pratica di Londra, il nostro Regalo per l' anno del Giubileo di Platino della Regina, by Londonita.com

 

I tuoi dati saranno esclusivamente usati per inviarti la newsletter e non saranno ceduti ad alcuno.